Sono a disposizione per rispondere alle domande dei lettori di Viver sani & Belli per  l'anno 2017,  nei seguenti giorni:

26 gennaio,23 febbraio,30 marzo,27 aprile,25 maggio,29 giugno,27 luglio,31 agosto,29 settembre,26 ottobre,30 novembre,28 dicembre, dalle ore 15 alle ore 17.30

 

Il numero verde è 800-580073

 

 

News: ViverSani & Belli

Gardone Riviera 4/9 giugno 2013

BROCHURE COMPLETA
Gardone Riviera - dal 4 al 9 Giugno 2013
Documento Adobe Acrobat 3.0 MB

Consigli utili

ASSUNZIONE DEI FARMACI IN VACANZA
attenzione al uso dei medicinali in vacanza.
Attenzione al uso di medicinali in vacan
Documento Adobe Acrobat 50.8 KB
CONSIGLI PER L'ESTATE TORRIDA
Qualche consiglio per l'estate in città.
Documento Adobe Acrobat 129.0 KB

 

Piazza. Mirabello 1

20121 Milano

telefono/fax 02-6554826

cellulare 335 82 53 509

mail liasolomon@yahoo.it

 sito  www.liasolomon.net

 

PREVENZIONE E CURA DELLE MALATTIE DEL INVECCHIAMENTO. GERIATRIA

 

Invecchiamento è un processo biologico molto complesso, inevitabile, determinato dalle modificazioni geneticamente programmate e da un accumulo di insulti: sociali, ambientali, alimentari e  derivanti anche dal nostro stile di vita, dal nostro vissuto.

 

 

Invecchiamento non è una malattia anche sé si accompagna spesso a diversi processi patologici  che  diventano con gli anni malattie croniche. 

 

E' molto frequente per esempio la perdita di elasticità del apparato vascolare, la formazione di placche ateromatose, con conseguente stenosi arteriosa, la cosiddetta aterosclerosi che sta alla base della malattia cardio - vascolare e della patologia vascolare cerebrale e periferica con  la sua influenza su tutto l'organismo.

 

L'aumento di peso e  i disturbi metabolici portano all' instaurarsi della sindrome metabolica, considerata ormai una malattia sociale.

 

La sindrome metabolica comprende: sovrappeso, obesità,pressione alta, diabete con le loro complicazioni: oculari, neurologiche, vascolari, renali e  la sua influenza negativa sul funzionamento generale del organismo.

 

E' frequente anche la malnutrizione, come risultato di abitudini, credenze, convinzioni sbagliate, comodità ecc. Questo comporta un eccesso, oppure una carenza di diversi principi attivi che danneggiano la struttura e la funzionalità cellulare dell' organismo intero.

 

Le malattie osteoarticolari sono molto presenti e molto diffuse, come l' osteopatia, l'artrosi, la poliartrosi, l'osteoporosi, l'osteomalacia ecc.

 

Ugualmente si nota la presenza sempre più alta di malattie cerebrali,  come la malattia di Alzheimer, la demenza senile o la Sindrome di disadattamento socio  - familiare.

 

E' differenza tra la malattia di Alzheimer e la demenza senile anche se la sintomatologia finale è uguale.

 

La  malattia di Alzheimer, ha un inizio molto precoce, verso i 55-60 anni, per la quale non si conosce ancora esattamente la causa, la sua evoluzione è continua e la terapia che non ferma l' evoluzione, è solo sintomatica.

 

La demenza senile invece si chiama senile perché si crea con gli anni che passano come il risultato in genere di diversi,tanti insulti cerebrali, creati da una patologia o una disfunzione che parte dal resto del organismo e  da tante diverse carenze o eccessi che creano una sofferenza cerebrale nel tempo.

 

La malattia di Alzheimer ha il suo percorso e niente ancora la può fermare.

 

La demenza senile può essere evitata perché può e si deve intervenire per evitare che si instauri.

 

Le malattie immunitarie se croniche, indeboliscono ancora di più la capacità di difesa dell' organismo con conseguenze su altri organi.

 

Le disfunzioni ormonali se croniche modificano la struttura e la funzionalità della maggior parte degli organi del nostro organismo, compreso l' apparato muscolo-scheletrico.

 

Lo stesso discorso vale per le malattie del apparato respiratorio, del apparato gastro - intestinale ecc.

 

Nello stesso tempo, vivendo in una società sempre più moderna, stressante, inquinata, con un  alimentazione meno ''naturale''  nella solitudine, senza relazioni affettive e sociali, le malattie croniche diventano le nostre compagne  di viaggio  nella  tarda età.

 

Il raggiungimento del centesimo compleanno non è più un evento cosi raro e le malattie correlate, sono erroneamente per molte persone considerate normali per la loro età.

 

Il passare degli anni non vuol dire l'instaurarsi delle malattie.

 E' la dimostrazione   che non tutti i novantenni soffrono di artrosi, demenze,  diabete, ipertensione arteriosa, patologie osteoarticolari ecc.  

 

Per questo motivo con una serie di accorgimenti si possono prevenire, oppure si può evitare la loro cronicizzazione, le loro complicazioni, evitando cosi la disabilità e sopratutto la sofferenza.  

  

VISITA E PRESTAZIONI MEDICHE

L'organismo col passare degli anni segue un suo percorso e gli obiettivi della prevenzione si adattano agli eventuali rischi e ai problemi di salute che potrebbero iniziare.

 

Se la malattia c'è già ed è diventata cronica è fondamentale  non perdere di vista eventuali complicazioni date dalla malattia stessa, visto che basta poco per arrivare allo scompenso.

 

Per questo motivo la visita è molto particolare, minuziosa per la necessità di fare una valutazione globale dello stato di salute.

 

L'intervento medico è molto importante soprattutto quando si verificano modificazioni dello stato di salute oppure si richiedono comportamenti di vita diversi.

 

 I casi e le patologie più frequenti da tener sotto controllo sono:

 

 Disturbi e sofferenze affettive

 La solitudine,

 La malnutrizione,

 La disidratazione,

 Obesità ,           

 Abuso di alcool ,farmaci, integratori, tabacco,

 Rischio di cadute,

 Patologie vascolari,

 HTA,

 Ipotensione arteriosa,

 TIA o rischio di TIA,

 Iperglicemia, diabete,

 Ipercolesterolemia,

 Ipertrigliceridemia,

 Diverse forme depressive,

 Demenza o rischio di demenza,

 Decondizionamento,

 Declino funzionale,

 Arteriopatie periferiche,

 Patologie osteo - articolari,

 Osteoartrosi,

 Osteoporosi,

 Disfunzioni ormonali,

 Disfunzioni metaboliche,

 Disturbo o malattie gastrointestinali ed epatiche,

 Steatosi epatica,

 Diverse allergie,

 Sindrome di disadattamento famigliare o sociale,

 

I controlli, lo screening, la terapia, la dieta, la rieducazione alimentare, psicologica, comportamentale e di vita stanno alla base della prevenzione secondaria.

 

In questo modo si ha la capacità di eliminare, diminuire o convivere con i problemi, di evitare le complicazioni, allungare la durata della vita  evitando  la disabilità e invecchiare dignitosamente.